Nazionalità: Italia
Generi: Acrobatic, Circus, Comic Theater,
Si esibiscono il: 30 May
Url: www.piccolascuoladicirco.it
Tel.: +39 02 42290574
Piccola Scuola di Circo La Piccola Scuola di Circo è un centro permanente di vita associativa a carattere volontario senza scopo di lucro che opera per fini sportivi, ricreativi e culturali.
Istituita nel 1994, è una realtà unica nel panorama italiano e ha formato nel tempo centinaia d’allievi. Ad oggi coinvolge 400 iscritti ai corsi, 18 insegnanti, numerose compagnie di teatro di strada e un numeroso ed affezionato pubblico.
Lo spettacolo è un omaggio ai Grandi Eventi in auge nel secolo scorso, capaci di richiamare le folle e farle sognare. Il tema dell’estremo, del fatale, del tragico e del comico, del volo di Icaro è riproposto nel gesto folle di un eroe moderno che sembra uscito da un fumetto anni ’70: Billy Bullet boy, l’Uomo Proiettile. Questa specialità squisitamente circense viene riportata alla luce, rievocata da un tempo e da un luogo ormai immersi nella leggenda, quaranta anni dopo l’ultimo (fatale) volo in Italia, e con mutata sensibilità, da una compagnia di attori, acrobati, saltimbanchi e ciarlatani. È, in fondo, un atto di totale adesione alla sacralità della vita e la negazione assoluta a qualsiasi spargimento di sangue, soprattutto se il nostro.

La Piccola Scuola di Circo presenta a Pennabilli lo spettacolo “L’Uomo Proiettile”, spettacolo vincitore di Cantieri di Strada 2007, con la partecipazione dell’artista argentino Diego Draghi e l’italiano Claudio Madia. Claudio Madia, poliedrico artista, ma anche conduttore televisivo, dal 1990 al 1997 è infatti conduttore del programma per i più piccoli l"Albero Azzurro" in onda su RAI1 e RAI2. In questo spettacolo-evento viene riproposta, in chiave comica, il tradizionale numero dell’ “Uomo Proiettile”. Due inservienti distribuiscono biglietti con l’annuncio del lancio. Si tenterà di battere il record italiano di gittata: 12 metri! In piazza ad attendere la folla ci sono il “Cannone” variopinto e la struttura per l’atterraggio.
Alcuni spettatori saranno coinvolti nel ruolo di assistenti e, bardati di livrea, aiuteranno a tenere il pubblico a distanza di sicurezza.
Tutto è pronto, nell’attesa il pubblico viene intrattenuto dalle gag degli inservienti-attrezzisti.
La tensione cresce, parte il count down…
Il primo tentativo è fallimentare: l’uomo proiettile esce incolume dal cannone fumante. Si può procedere al secondo tentativo: anche in questo caso il lancio non riesce e il nostro viene “sputacchiato” fuori dalla bocca del cannone atterrando miseramente ai piedi dello stesso, ma il pubblico ha diritto di vedere il grande evento, quindi si riparte. Gli inservienti non possono più sbagliare: il nostro eroe si infila per la terza volta nella macchina infernale.
Tre, due, uno… e, incredibilmente, la folla assiste allo spettacolare sparo! Lancio riuscito, record battuto. Gran successo.