Spettacolo

Data
02/06/2022

Ora
16:15

Durata
45 min

Luogo
10 - Saloon

Sto caricando la mappa ....

No Data

Partendo dai deserti americani alle steppe mongole, fermandosi all'Africa e al Mediterraneo, il duo di Rennes Bâton Bleu, composto da Maria Laurent e Gautier Degant, si dedica a un folk-blues acustico e minimalista, che rivendica un aspetto cosmopolita prendendo in prestito strumenti tradizionali e influenze sonore da più culture del mondo. Bâton Bleu è un percorso del tutto originale e non identificabile nella lunga e polverosa discografia del blues. Dopo 9 tour in Europa, nel novembre 2018 è uscito il loro album di debutto, “Weird and Wonderful Tales”, che sposa il banjo con il liuto mongolo (tovshuur) e il kalimba, per “saltare” le corde come fossero frontiere. Ogni canzone è stata concepita come un viaggio in terre sconosciute, una vera e propria ambientazione sonora, e concentrandosi sui silenzi il duo calma la corsa del tempo e cerca spazio. Un blues potente e ipnotico dove sonorità trance si srotolano sull'armonica-basso e sulle corde acustiche di inusuali strumenti, e l’aspetto primitivo e tribale è illuminato dalla complementarietà delle due voci.

Maria Laurent ha affinato la sua tecnica vocale esplorando una vasta gamma di timbri e trame vocali. Trae influenza dagli aspetti più emotivi della musica: dai lunghi canti delle steppe mongole, dalle invocazioni del griot e dalle grida dei cantanti di Fado dai bar di Lisbona. Cresciuta nel blues fin dalla tenera età, la sua singolare appropriazione di strumenti come il banjo o il liuto mongolo (tovshuur) porta nuova linfa ed energia in quelle pratiche secolari, contribuendo a definire il suono sensibile e organico di Bâton Bleu. 

Gautier Degant inizia a fare musica con la sua prima band tribal post-punk Heraclite, in cui cantava in greco antico ispirandosi al suo amore per le voci potenti e ruvide. La sua immaginazione artistica è spesso alimentata dalle antiche culture greche e mediterranee, che fanno da sfondo a gran parte dei suoi testi. La sua passione per il blues e la sua espressione contemporanea devono molto all'incontro con il bluesman Seth Augustus, allievo di Paul Pena.

ADATTO A TUTTI